Prestiti veloci

Cos'è un prestito veloce

I prestiti veloci figurano tra quelle soluzioni di credito indette dai portali online, per conferire maggiore fluidità e semplicità nel conseguimento e nell’avvio di un possibile finanziamento.

I prestiti veloci, più specificatamente, sono dei particolari contratti che vengono rivolti quasi esclusivamente a vantaggio dei consumatori, proponendo un finanziamento perlopiù non finalizzato, quindi non destinato all’acquisto di uno specifico bene, la cui erogazione non è sottoposta a una particolare motivazione. La somma richiesta viene indicata con il termine credito al consumo, proprio per il motivo sopra citato della non finalità del prestito, che così disposto può essere facilmente stipulato tra il richiedente e l’istituto finanziatore senza che intervengano costosi mediatori o dealer autorizzati.

I prestiti veloci sono stati creati allo scopo di evitare le noiose burocrazie prodotte alla richiesta di un qualsiasi finanziamento bancario, riservandosi la facoltà di sbloccare, anche nel giro di 24 ore, una somma altrimenti ottenibile solo dopo attenta analisi da parte dell’ente creditore. È comunque importante precisare che i prestiti veloci possono snellire i processi di avvio della pratica, ma è sempre consigliabile analizzare e confrontare più prodotti, al fine di scegliere quello più consono alle necessità del consumatore: un finanziamento sbagliato, seppur rapido, potrebbe invero creare più difficoltà che vantaggi.

Prestito personale senza busta paga

Eppure i prestiti veloci possono risolvere situazioni critiche, come nel caso di protestati e di tutti coloro che sono stati segnalati in Crif in quanto insolventi o cattivi pagatori, poiché non è consentito modificare le modalità del prestito a seconda del richiedente che la finanziaria si trova di fronte.

Ciò perché i prestiti veloci non richiedono particolari garanzie al momento dell’avvio della pratica, proponendo un contratto molto snello e alla portata di qualsiasi richiedente che vanti un reddito prono al rimborso delle rate stabilite. I prestiti veloci analogamente possono rivolgersi anche ai lavoratori precari e a chi detiene un contratto di formazione, mantenendo le stesse condizioni di stipula di un lavoratore a tempo indeterminato. La concessione dei prestiti veloci può essere sempre diversa a seconda delle condizioni previste, come ad esempio l’importo indicato, che può variare da un minimo di 1.000€ fino a un massimo di 40.000€.

Il tasso d’interesse scelto è solitamente a regime fisso, mentre il piano rateale è indicato dal richiedente e va impostato già in sede di stipula.

Piccolo prestito veloce

Gli unici dati consentiti allo sblocco dei prestiti veloci riguardano le generalità del soggetto debitore, il suo stato finanziario e un eventuale rapporto di credito fornito dalla Centrale Rischi.

A causa delle mancate garanzie i prestiti veloci si riservano il diritto di scindere il contratto ogniqualvolta l’istituto finanziatore lo ritenga opportuno.

Ciò in special modo quando si manifestano condizioni di inadempienza rateale, mentre nel caso di ritardi di pagamento scatta in automatico un incremento del tasso d’interesse e il pagamento di un’apposita mora. È infine possibile richiedere l’estinzione anticipata del contratto, per cui il debitore non dovrà fare altro che versare tutto il capitale residuo, gli interessi dovuti più un compenso che non deve superare il valore dell’1%.