Prestiti Bancari: caratteristiche generali

Guida ai prestiti bancari

I prestiti bancari sono una forma di finanziamento rilasciata dagli istituti di credito allo scopo di elargire una determinata somma in danaro, da restituire entro tempi limitati e sottoposta al rimborso gravato da opportuni tassi d’interesse, nel valore di quanto stabilito dal mercato finanziario al momento della sottoscrizione contrattuale.

I prestiti bancari solitamente sono dei finanziamenti non finalizzati, che non ammettono la specificità dell’acquisto mosso sulla base della liquidità ottenuta, cosicché il richiedente può effettuare senza vincoli ogni tipo di spesa volta a sopperire determinate necessità ed urgenze.

I prestiti bancari sono a disposizione di tutti i consumatori, proponendo di volta in volta particolari limitazioni a seconda del tipo di erogazione richiesta e sulla base di determinate garanzie. Solitamente i prestiti bancari sono dedicati ai soli clienti che esibiscono una immacolata storia creditizia, in tal modo vengono automaticamente scartati i protestati, gli insolventi, i cattivi pagatori e quanti risultano essere iscritti nelle liste della Centrale Rischi, additando tuttavia opportune eccezioni.

Prestiti concessi dalle banche

Ad esempio possono vantare un trattamento di favore tutti coloro che abbiano un conto aperto presso la banca di competenza, eventualità che lascia ampia fiducia all’ente nell’erogazione di un dato prestito.

Ma non sempre i richiedenti di un prestito bancario sono anche clienti della finanziaria, quindi a vantaggio di una corretta e celere sottoscrizione al contraente viene imposta la presentazione di opportune garanzie, prone ad assicurare l’adeguato adempimento dell’ammortamento successivo.

Tali garanzie, di ordine reale o personale, possono variare a seconda dello stato professionale del richiedente, perciò se un lavoratore dipendente può servirsi della sola cessione del quinto, volta al rimborso rateale su trattenuta diretta dalla busta paga, un lavoratore autonomo deve munirsi di un’ipoteca su bene immobile o ancora di un terzo garante forte di un reddito fisso e dimostrabile, al fine di ottenere il tanto agognato prestito bancario.

A seconda delle necessità del potenziale contraente le finanziarie propongono varie tipologie di prestito bancario, tutte incentrate a favorire l’acquisto di beni di consumo.

Preventivi prestiti bancari

Esiste così il prestito personale, che ammette erogazioni da saldare entro tempi ristretti, il credito al consumo, che ammette la finalità della spesa, ancora lo scoperto di conto corrente, che permette al consumatore la possibilità di andare in negativo sul proprio conto corrente, le carte revolving, che possono essere ricaricate qualsivoglia e ammettono un rimborso rateale, infine la cessione del quinto, dedicata ai dipendenti e ai pensionati.

Analogamente i prestiti bancari vengono utilizzati anche per spese di ristrutturazione della propria abitazione, per estinguere altri debiti in atto e inoltre per ottenere denaro liquido contante. I requisiti base per avviare un prestito bancario sono la maggiore età del richiedente, un documento d’identità valido, il codice fiscale e una situazione di reddito documentabile. I tempi di accettazione del finanziamento variano in rapporto ai controlli che la banca deve effettuare nell’attestare la validità e la sicurezza della domanda inoltrata.